Tappa 15 del
Giro d’Italia 

per un’ora Poffabro si tinge di rosa!

Foto di sfondo: Yolanda Mion

OTTOBRE 2020

Domenica

CRONO TABELLA - POFFABRO

La giornata del 18 ottobre prevede la tappa Rivolto – Piancavallo passando per Poffabro.

Il percorso rientra  come  tappa di montagna con ampi tratti di discesa o pianeggianti tra le salite. Dopo aver superato il GPM del Sella Chianzutan (ora 13/13:30) su strade mediamente ampie e in buono stato prima della lunga discesa fino a Tolmezzo. Segue, su strada a carreggiata ristretta il GPM di Forcella di Monte Rest (14/14:30) dove si segnalano alc une gallerie in tornante, con numerosi tornanti sia a salire sia a scendere passando per Tramonti di Sopra, Tramonti di Sotto fino al bivio per Navarons (14:30/15) e proseguire sulla SP63 che porta a Poffabro (14:40/15:10) e proseguire poi verso il GPM di Pala Barzana (15/15:30). 

Info Tecniche

Percorso

Tappa di montagna con ampi tratti di discesa o pianeggianti tra le salite. Si supera il GPM del Sella Chianzutan su strade mediamente ampie e in buono stato prima della lunga discesa fino a Tolmezzo. Segue, su strada a carreggiata ristretta) il GPM di Forcella di Monte Rest (dove si segnalano alcune gallerie in tornante, con numerosi tornanti sia a salire sia a scendere) La discesa successiva porta poi al GPM di Pala Barzana con alcuni passaggi cittadini articolati in salita(Poffabro). Discesa abbastanza impegnativa seguita da una galleria di oltre 4 km in leggera discesa perfettamente illuminata e con fondo perfetto. Il percorso diventa quindi pianeggiante fino a Aviano dove inizia la salita finale.

ultimi km

Ultimi 15 km interamente in salita. Primi 10 km molto ripidi sempre attorno al 9% con punte del 14%.
Al km 10.9 la strada spiana e scende leggermente per ricominciare a salire (si attraversa una galleria paravalanghe) con pendenze più moderate (max 8%). Ultimo km piuttosto articolato sempre leggermente a salire. Arrivo su ampia semicurva all’1.5% di 100 m, largo 7.5 m su asfalto

booked.net
Protezione Civile della Regione Friuli Venezia Giulia

Chiusura SP63

Dalle 11:30 vietato il transito a Poffabro, da Navarons verso Pala Barzana.

Domenica 18, per ovvii motivi, la Strada Provinciale 63 che da Navarons porta a Poffabro e prosegue per Pala Barzana sarà  messa in sicurezza dall’organizzazione del Giro d’Italia e l’aiuto dei volontari della Protezione Civile e non sarà possibile raggiungere Casasola, Poffabro, Casasola, Pian delle Merie e così Pala Barzana dalle ore 11:30 fino al completo passaggio dei corridori e lo sgombero delle strutture.

Nessun problema invece per raggiungere Frisanco via SP26 da Maniago che resterà percorribile ma raccomandiamo la massima attenzione e prudenza per il traffico previsto ed il passaggio della la corsa ciclistica del Giro-E che partirà da Maniago alle 11:20 circa via SP26 raggiungerà Poffabro e proseguire poi per Piancavallo via Pala Barzana.

PANTANI, LA SALITA DI PIANCAVALLO SUA PER SEMPRE!

La salita di Piancavallo, sarà dedicata a Marco Pantani che riceverà così una speciale dedica a distanza di tanti anni ormai dalla sua scomparsa. Le imprese del pirata che nel ’98 culminarono con la storica doppietta giro e tour, riuscito soltanto ad altri sei atleti, sono leggenda. Il 12, 13 e 14 ottobre, inoltre, sarà proiettato nelle sale cinematografiche un film documentario sulla tragica fine di Marco Pantani. “Il caso Pantani, l’omicidio di un campione”, è il titolo del film. Nella stessa settimana per il Pirata arriverà anche l’intitolazione della salita di Piancavallo. Lì Pantani diede un colpo importante e decisivo per la vittoria del Giro d’Italia del 1998 vinto contro il temibile russo Tonkov.

Fonte: YESLIFE

foto dal web

TESIMONIANZE

Durante la 15° tappa del Giro d'Italia i campioni sono schizzati velocissimi su queste salite, ma per tutti gli altri...

Pubblicato da Marina Del Colle su Lunedì 19 ottobre 2020

I Borghi più Belli d'Italia in Friuli Venezia Giulia

Poffabro uno dei “Borghi più belli d’Italia”

La magia della pietra e del legno

Leggi di più

Circa 37.000 ettari di natura protetta, 1.300 specie botaniche, 50 di mammiferi, 100 di volatili (tra i quali l’aquila reale, simbolo del Parco), 35 di rettili, anfibi e pesci.
Un territorio che si estende tra la provincia di Pordenone e quella di Udine e, abbracciando la Valcellina e l’Alta Valle del Tagliamento, lambisce la Valmeduna.
Il Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, riconosciuto patrimonio UNESCO nel 2009, racchiude una realtà geologicamente complessa: faglie, fratture, morene e piramidi di terra, guglie e torrioni dolomitici.

Lis Aganis Ecomuseo regionale delle Dolomiti FriulaneLis Aganis
Ecomuseo regionale delle DolomitiFriulane

nasce su impulso del Gal Montagna Leader nel 2004. L’Associazione conta oggi una sessantina di soci e oltre 30 Cellule tematiche inserite nei percorsi ecomuseali ACQUA, MESTIERI e SASSI.

Leggi di più

FRISANCO Comune Bandiera Arancione

LA BANDIERA ARANCIONE del TOURING CLUB ITALIANO

Il Programma Bandiere arancioni è stato sviluppato in totale coerenza con la natura, la funzione statutaria e la storia del Touring Club Italiano, in linea con tutte le sue iniziative, volte a promuovere uno sviluppo turistico sostenibile.   La Bandiera arancione è il marchio di qualità turistico-ambientale destinato alle piccole località dell’entroterra, è temporaneo e subordinato al mantenimento dei requisiti nel tempo; la verifica avviene ogni tre anni con una tempistica fissata da TCI a livello nazionale, valida per tutti i Comuni a prescindere dall’anno di assegnazione del riconoscimento.

Leggi di più

VAL COLVERA

Scrivici subito

Ass. Pro Loco Val Colvera

et|icon_pin|

Via Valdifrina, 10,
IT- 33080 Frisanco PN

et|icon_phone|

+39 377 0898 136

et|icon_mail|

vivivalcolvera@gmail.com

Seguici su

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Privacy Policy